Corso di ballo sardo on-line: su passu torrau

Dopo su ballu tundu, questa settimana impareremo e approfondiremo la conoscenza de SU PASSU TORRAU.

Ballo originario di Mamoiada, le persone anziane dei paesi vicini, Orgosolo, Oliena, Nuoro, Ollolai, ancora oggi lo chiamano sa Mamujadina, pare si sia diffuso in occasione dei festeggiamenti in onore dei santi Cosma e Damiano, che per l’occasione venivano ospitati nelle ‘umbissias (stanzette), i novenanti del circondario che vi soggiornavano per l’intero mese di settembre. Attualmente questo ballo si è diffuso in tutta la Sardegna, e non c’è gruppo che non intona una canzone con queste note. Prevede passi in avanti in cui si inserisce “la corsa”, una serie di passi avanti seguiti dal ritorno sul passo precedente e “s’intrada” con due inchini, quando è doppia si esegue il doppio inchino al rientro nel cerchio (torrau = ritornato).

Viene formato prima il ballo tondo, dopo di che gli organizzatori (SU SOTZIU) fanno uscire le coppie al centro, ogni tanto ordinano il cambio, fanno rientrare l’uomo nel cerchio, e la donna ne sceglie un altro sempre dal cerchio, dopo un po’ si inverte e mandano a posto la donna e così via, nessuno può uscire senza l’ordine. Danzato in coppia o (più raramente) da gruppi formati da un uomo e due donne eseguendo flessioni sulle ginocchia e tenendo le braccia strettamente aderenti al corpo e ripiegate sui gomiti.

Il numero delle coppie o dei gruppi che ballano sui palchi (in genere sei o otto) deve essere sempre pari per permettere determinate figure coreografiche.

In origine nasce a voce o accompagnato da Su ‘Ussertu, attualmente con diversi strumenti: organetto diatonico, fisarmonica, armonica a bocca, trunfa.

Buon divertimento e appuntamento a giovedì prossimo con… su dillu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.